CARI UTENTI E LETTORI DI WESTY.IT.... SERVE IL VOSTRO AIUTO...
Come molti di voi già sanno, a breve dovremo rinnovare la quota annuale di server e sistemisti.
Poiché non pubblichiamo annunci pubblicitari e non vendiamo i dati degli utenti, Westy.it sopravvive grazie alle donazioni.
Westy Social Network è qualcosa di speciale. È come una biblioteca dove trovare informazioni utili o un parco pubblico dove tutti noi possiamo andare per chiacchierare, scherzare e svagarci.

Adesso, ci rivolgiamo a voi: se tutti quelli che leggono questo annuncio donassero qualcosina, la nostra raccolta fondi sarebbe rapidamente completata.
E quest'anno, il vostro contributo è ancora più importante.
Se Westy Social Network ti è utile, investi un minuto per mantenerlo online un altro anno. Grazie.
Oliver

Utente: oliverwestifero
...tra le stelline sul ponte

Sesso: Maschio
Provincia: Firenze

Data di Nascita: 13/05/2009
Allevamento: Altro

Comunica

Diventa amico di Oliver
Per poter effettuare quesa operazione devi essere un utente registrato. Effettua il Login per proseguire.
Fai conoscere Oliver
Per poter effettuare quesa operazione devi essere un utente registrato. Effettua il Login per proseguire.
Segnala contenuto inadeguato
Per poter effettuare quesa operazione devi essere un utente registrato. Effettua il Login per proseguire.

Statistiche

  • Ultimo Login: 13/04/2022 17:04
  • Registrato il : 03/03/2015
  • Amici: 388

Diario di Oliver

Abbaiare è un diritto esistenziale del cane
Abbaiare è un diritto esistenziale del cane: così ha sancito il giudice del Tribunale di Lanciano, Dott. Giancarlo De Filippis, con una sentenza emessa a conclusione di un procedimento civile d’urgenza.

Tale decisione rappresenta una vera e propria conquista nel campo della tutela dei diritti degli animali e più nello specifico in riferimento al “migliore amico dell’uomo”: tale precedente legale costituisce un pilastro fondamentale per il rispetto della natura di questi animali e per il riconoscimento dei loro diritti.

Nel caso di specie, i vicini di casa hanno accusato i due cani di arrecare disturbo con il loro abbaiare ma il giudice ha stabilito che ciò rappresenta un diritto inalienabile degli animali, soprattutto nel caso di difesa, guardia e sicurezza dell’abitazione del proprio padrone e purché non venga superata la soglia di tollerabilità prevista dal codice.

In questo caso il giudice ha tenuto in considerazione la funzione fondamentale svolta dai cani: abitando in aperta campagna, tali animali costituiscono una sorta di “allarme vivente” e dunque rappresentano un ulteriore strumento di tutela per la famiglia in questione.

Inoltre, per giustificare la sua decisione, il giudice ha fatto riferimento agli articoli 544 bis e successivi del codice penale, all’art. 5 della legge 189 del 2004 e alla ratifica della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, che stabilisce l’obbligo morale dell’uomo di rispettare tutte le creature viventi.

A sostegno della decisione presa dal giudice De Filippis si è schierata l’Associazione Animalisti Onlus che – attraverso le parole del suo Presidente – ha sottolineato come, nonostante l’Italia sia un Paese all’avanguardia nella legislazione in materia di diritti degli animali ed esistano numerose leggi a tutela degli stessi, spesso tali leggi non vengono applicate oppure sono adottate in maniera inopportuna e ingiusta.

La problematica che si riscontra in merito è insita nella cultura di chi poi deve applicare tali leggi: al giorno d’oggi è un dato di fatto che, a fronte di numerosi casi di maltrattamenti perpetrati a danno degli animali, susseguono poche condanne. A ciò si aggiunge il fatto che una parte di popolazione italiana considera ancora gli animali come cose, oggetti o strumenti a supporto degli uomini.

Tale sentenza costituisce una importante testimonianza di come il diritto italiano stia sempre più estendendo la sua sfera di interesse verso la tutela degli animali e il riconoscimento dei loro diritti.

In tema esistono già delle normative che predispongono obblighi e doveri in capo al proprietario di un animale: partendo dal presupposto che sia molto complicato impedire al cane di abbaiare – in quanto suo istinto naturale – il padrone è comunque tenuto a porre dei freni ai latrati dell’animale in determinati orari del giorno e soprattutto durante le ore di riposo, in modo tale da non arrecare molestie al vicinato.

La norma di riferimento è l’articolo 659 del codice penale che, in tema di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, sottolinea come la nostra libertà finisca ove cominci quella degli altri, precisando che l’abbaiare dell’animale non deve superare i limiti di tollerabilità.

Inoltre il proprietario è tenuto al rispetto dell’animale e delle altre persone e, dunque, ha il dovere di educare il cane – se necessario anche attraverso corsi di addestramento finalizzati a miglioramenti comportamentali e alla convivenza pacifica – e di non abbandonarlo per diverse ore in giardino o sul terrazzo.

Per informazioni: info@avvocatoanimali.it




Devi essere registrato e loggato per poter leggere i commenti di questa pagina.



Aiutaci a coprire i costi di Westy.it: fai una donazione
Tantissime ore e risorse sono dedicate ogni giorno per mantenere in vita questo sito. Se vuoi aiutarci a restare online, dai un piccolo contributo...

Clicca Qui per Partecipare


GADGET WESTY
Gadget Westie

...questo ed altri simpatici gadget legati al mondo dei westie...




Torna a Inizio Pagina