CARI UTENTI E LETTORI DI WESTY.IT.... SERVE IL VOSTRO AIUTO...
Come molti di voi già sanno, nel mese di Giugno dobbiamo rinnovare la quota annuale di server e sistemisti.
Poiché non pubblichiamo annunci pubblicitari e non vendiamo i dati degli utenti, Westy.it sopravvive grazie alle donazioni.
Westy Social Network è qualcosa di speciale. È come una biblioteca dove trovare informazioni utili o un parco pubblico dove tutti noi possiamo andare per chiacchierare, scherzare e svagarci.

Adesso, ci rivolgiamo a voi: se tutti quelli che leggono questo annuncio donassero qualcosina, la nostra raccolta fondi sarebbe rapidamente completata.
Quest'anno, senza i contributi che solitamente raccogliamo durante il Raduno Nazionale (che causa emergenza Codiv è ancora in "forse"), il vostro contributo è ancora più importante.
Se Westy Social Network ti è utile, investi un minuto per mantenerlo online un altro anno. Grazie.

"A TU PER TU" CON L'ALLEVATORE
Dialogo diretto con Floro&Simona Annè
Allevamento dell'Antica Uria

1) Innanzitutto vorremmo chiederle da quanti anni alleva e perche il suo allevamento ha questo nome?
Il nostro allevamento, a livello amatoriale, nasce nel 1996. Perché la denominazione del nostro allevamento “Dell’antica Uria”? Il motivo è molto curioso ed è legato significativamente alle origini del nostro paese. La città di Oria vanta gloriose ed antichissime radici storiche. La denominazione della stessa ha subito nel corso dei secoli numerose modifiche, come "Hyria", "Orea", "Uria" fino alla presente "Oria".

2) Come è nata la sua passione e decisione di diventare allevatore?
La nostra passione per questa meravigliosa razza è arrivata nell’anno 1996, anno in cui arrivò nella nostra casa un simpatico folletto bianco, di sesso femminile. La simpatia per questo batuffolo nacque vedendo alcuni spot pubblicitari in televisione. Il suo aspetto ci incuriosì così tanto, tale da invogliarci ad acquistare alcune riviste specifiche, dove cercammo di approfondire le nostre conoscenze su questa razza. Un giorno, passeggiando in una città vicino alla nostra, avemmo la fortuna d'incontrare un meraviglioso cucciolone. Il proprietario del cane ci confermò il carattere tipico del Westie, cosa che noi non conoscevamo ancora. Fummo travolti dalla sua simpatia e vivacità, quindi decidemmo subito, appena tornati a casa, di parlarne in famiglia. In quell'istante, tutti insieme, decidemmo di acquistare il nostro primo West Highland. Nel 1998, nacque l'esigenza di comprare un maschietto, e da quell'anno tutta la famiglia collaborò a selezionare questa razza. Furono quegli anni in cui iniziammo a dilettarci nelle prime esposizioni di bellezza. Da allora, il nostro obiettivo è quello di selezionare questa razza con serietà e passione, puntando sempre sulla qualità dei soggetti.

3) Quali sono le razze che alleva?
La razza che alleviamo è il west highland white terrier.

4) Qual è il motivo per cui ha scelto di allevare proprio i West Highland White Terrier?
Le motivazioni che sono alla base della nostra idea e scelta di allevare proprio il west highland white terrier sono diverse. È un cane intelligente, fiero, affettuosamente testardo, accattivante e non è un caso che lo si chiama “diavolo bianco”. In parole semplici e per rendere l’idea di come si può definire con un aggettivo questa razza è meravigliosamente perfetta.

5) Ci dica il più grosso pregio di questa razza ed il più grosso difetto.
Questa razza ha pregi e piccoli difetti. Tra i pregi possiamo annoverare il carattere aperto e poco invadente. Un piccolo difetto è quello di essere un po' testardi ma siamo sempre più convinti che basta saperli educare bene per conquistarli.

6) Quanti esemplari sono presenti nel suo allevamento?
Nel mio allevamento sono presenti dieci soggetti, compreso chi al momento ha circa dieci anni e rappresenta la “nonna” di casa.

7) Quale è stata la più grossa soddisfazione che ha mai avuto durante la sua attività di allevatore?
La prima più grossa soddisfazione che ho avuto durante la mia attività di allevatore è stata quando partecipando a diverse esposizioni di bellezza, un nostro soggetto si è classificato primo su un numero cospicuo di partecipanti, regalandoci anche la soddisfazione di un eccellente giudizio del giudice.

8) E la più grossa delusione?
La più grossa delusione durante gli anni di allevamento è stato un episodio. Era un bel giorno di primavera. Di buon ora partimmo per recarci in un’esposizione. Dopo ben dodici ore di viaggio arrivammo sul posto. Notammo che il cane ebbe una diarrea dovuta al mal d’auto e dato che non era in perfetta forma decidemmo di non esporlo e così siam dovuti tornare a casa.

9) Si è mai pentita di questa scelta?
No. Non ci siamo mai pentiti della scelta di poter allevare con passione questa razza poiché durante gli anni di allevamento abbiamo avuto tante belle esperienze con questi piccoli grandi cani che ci ricompensano dei tanti sacrifici e dedizione che riserviamo a loro ogni giorno.

10) Com’è, in generale, la giornata tipica di un allevatore?
A mio avviso la giornata tipica di una allevatore è abbastanza piena e attiva e si ha bisogno di organizzarla per bene. Al mattino si escono i cani dalla loro stanza all’aria aperta e nel frattempo che sgambettano nell’erba, si prepara il mangime ai cuccioli e ai soggetti adulti che funge da una buona colazione. Molto spesso non c’è neanche il tempo di prendere un caffè e questo succede soprattutto quando in allevamento qualche cane sta male e bisogna subito intervenire con la terapia del caso. Successivamente si procede con la pulizia e igienizzazione quotidiana degli ambienti e si somministra l’acqua. Se è il periodo estivo si preparano, anche per farli divertire, delle grandi vasche dove loro, una volta riempite d’acqua, possano divertirsi e bagnarsi con la stessa e nello stesso tempo rinfrescarsi. Nel tardo pomeriggio si procede con la toelettatura o pratiche igieniche quotidiane sui cani, si conclude con la somministrazione del cibo e si rientra in stanza per il riposo previsto intorno alle ore 19,00 circa.

11) Cosa direbbe ad una persona che le confessasse l’intenzione di dedicarsi all’allevamento?
Se una persona decidesse di intraprendere l’attività e la passione di allevare ben venga l’iniziativa, ma, l’importante che lo si faccia con passione, amore e dedizione e con quella voglia di potersi sempre migliorare e confrontarsi con gli altri allevatori per poter sempre puntare ad allevare con serietà e professionalità. I risultati e le gratificazioni professionali arrivano e si raggiungono durante gli anni.

12) Che rapporti ha con i suoi clienti una volta che il cucciolo è stato consegnato?
Tutte le persone che decidono di prendere un cucciolo del nostro allevamento diventano amici di famiglia. Preghiamo loro di contattarci per qualsiasi dubbio o difficoltà senza esitare o semplicemente per trascorrere una giornata all’aria aperta con i nostri amici a quattro zampe.

13) Ci dica il nome della persona a cui deve molto come allevatore.
Ci sono diverse persone che vorrei ringraziare e tengo molto a dire un grazie di cuore alla mia famiglia per la loro dedizione e collaborazione nella selezione di questa razza e l’impegno che riserviamo quotidianamente per questi piccoli grandi westie.

14) E il cane che ha lasciato un segno nel suo cuore?
Diversi cani hanno lasciato un segno nel mio cuore. Rappresentativo di tutti e tutti nello stesso meraviglioso modo è stato Academy award, il nostro mitico “Oscar”!

15) Ci racconta un episodio curioso della sua vita da allevatore?
Episodi curiosi durante gli anni ce ne sono stati tantissimi ma quello più spiritoso e buffo è il seguente. In allevamento c’è, in particolare, una nostra femmina che sembra una vera star poiché ogni volta che qualcuno ci chiede di farle una foto, lei è subito pronta a mettersi in posa per poter essere ammirata e fotografata, basta solo che gli diciamo :Allora sei pronta per la foto? Lei tutta felice è lì pronta per fare il servizio fotografico!


Floro&Simona Annè
All.to “dell'Antica Uria”

Fai una donazione a Westy Social Network
Se ti piace questo sito e vuoi aiutarlo a crescere e restare online, dai un piccolo contributo.

Fai una Donazione


Torna a Inizio Pagina